Il tuo e-commerce non vende? 3 cose da migliorare

#ecommerce #vendere online

La crescita dell’ecommerce continua nel 2021, anche se in maniera più misurata rispetto al 2020.

Se il 2020 infatti è stato l’anno in cui praticamente tutti gli italiani hanno preso consapevolezza dell’esistenza dell’ecommerce, nel 2021 i dati confermano il trend positivo dell’anno passato.

Le stime prevedono un incremento del 18% per quanto riguardo le vendite online nel 2021 e indicano una crescita costante e incoraggiante per l’ecommerce.

L’ecommerce è un canale di vendita che sta diventando sempre più rilevante a livello globale, anche in Italia.

I dati arrivano dallo studio dell’osservatorio eCommerce B2c Netcomm – school of management del Politecnico di Milano in occasione del convegno ‘eCommerce B2c: i nuovi equilibri dell’omnicanalità nella pandemia’.

La crescita degli acquirenti online che si è verificata durante il lockdown e la maggior dimestichezza e fiducia nell’online e nei pagamenti digitali hanno generato un effetto positivo nello sviluppo dell’ecommerce italiano anche per il 2021.

Il cambiamento indotto dall’emergenza sanitaria non ha inciso soltanto sulle abitudini d’acquisto dei consumatori, ma anche sulle aziende e gli imprenditori.

Nel 2020 infatti l’ecommerce si è diffuso anche tra le piccole imprese italiane che, rispetto al passato, sono state incentivate ad avvicinarsi al digitale e a comprenderne le potenzialità.

Ora la crescita delle aziende sembra essere strettamente legata alla digitalizzazione che decideranno di percorrere come asset fondamentale per aumentare il fatturato ed evolversi insieme al mercato.

3 problemi di un ecommerce che non vende

Anche tu vorresti scegliere di aprire un e-commerce per la tua azienda ma hai paura di non vendere? Oppure l’hai già fatto e per ora i risultati tardano ad arrivare?

Andiamo a vedere e valutiamo insieme quali sono i 3 fattori più comuni che si possono riscontrare in ecommerce che non vendono o faticano a posizionarsi e a trovare un mercato per i propri prodotti e servizi.

In questo blogpost, infatti, troverai alcuni consigli per:

1. Offrire valore aggiunto al cliente

Il tuo prodotto o servizio offre valore a utenti e clienti?

Se hai risposto subito positivamente a questa domanda ma il tuo ecommerce non vende oppure non trova mercato, può essere che i benefici del tuo prodotto non siano comunicati in modo chiaro ed evidente.

Non preoccuparti, capita spesso e vedremo cosa fare per migliorare questo aspetto.

Se invece questa domanda ti ha messo in difficoltà e hai faticato a rispondere, è opportuno fare un passo indietro e valutare quali elementi tenere in considerazione per capire se il tuo prodotto o servizio è convincente e può avere mercato.

Cosa si intende con valore di un prodotto o servizio?

Il valore è ciò che il tuo prodotto fa per i potenziali clienti, quindi per tutte quelle persone che sono disposte a pagarti.

Attenzione! Non fare l’errore di confondere il valore di un prodotto o servizio con le sue caratteristiche.

Più che con la descrizione e con le caratteristiche del tuo prodotto, il valore si identifica con cosa fa concretamente il prodotto o servizio per i clienti e soprattutto con quale beneficio reale offre loro.

In cosa consiste la differenza a livello pratico?

Semplicemente, un prodotto può avere caratteristiche specifiche e uniche che non si trovano da nessuna parte e da nessun concorrente ma non riuscire a essere venduto e a trovare apprezzamento sul mercato…

Perché? Probabilmente perché queste caratteristiche non si traducono in benefici reali per il cliente, cioè:

  • non risolvono loro problemi
  • non realizzano le loro aspirazioni
  • non semplificano o migliorano la vita delle persone

Quindi, prima di mettere mano al tuo ecommerce e lavorare su UX-CRO-advertising-automation e tutte le altre cose tecniche, chiediti sinceramente:

  1. Il tuo prodotto o servizio è in grado di risolvere i problemi o realizzare le aspirazioni dei tuoi potenziali clienti?
  2. Perché un cliente dovrebbe scegliere di acquistare nel mio shop e non altrove?
  3. E che cosa faccio per il mio cliente che distingue la mia azienda in modo unico?

Lavora su cosa fai, per chi lo fai, come lo fai e perché. La mancanza di questo tipo di riflessione spesso mina le fondamenta del progetto già dalla fase di costituzione del business e del brand.

Dopo che hai fatto questi ragionamenti e hai trovato delle risposte oneste, è il momento di fare in modo che il valore, la USP (Unique-Selling-Point) e la UVP (Unique-Value-Proposition) emergano chiaramente dal tuo ecommerce.

2. Ottimizzare UX experience e processo d’acquisto

Dopo aver visto al punto 1 quella che noi consideriamo la base per lanciare un business online che ti permetta di guadagnare e aumentare il tuo fatturato, veniamo ora alla parte un po’ più tecnica di questo articolo, in cui vediamo come dovrebbe essere un ecommerce.

Un ecommerce per funzionare e vendere online deve essere:

  • funzionale e agevole da navigare
  • sicuro
  • responsive e veloce

L’esperienza utente – la UX, user experience – sul tuo ecommerce e il tasso di conversione sono fondamentali, per cui lavora su tutti gli aspetti e fallo in modo sistematico: il processo di analisi sulla UX e il tasso di conversione deve essere periodico.

Perché è importante ottimizzare sistematicamente la user experience e il tasso di conversione (CRO, conversion rate optimization)?

L’ottimizzazione di UX e CRO rappresenta il processo per aumentare la percentuale di visitatori del tuo sito web che intraprendono un’azione desiderata, che si tratti di compilare un modulo, diventare clienti o altro.

Immagino che tu anche tu voglia aumentare costantemente il numero di visitatori del tuo sito che compiono azioni importanti per il tuo business, quindi… cosa fare?

Alcuni tra gli elementi più importanti da tenere in considerazione per migliorare UX e conversion rate sono:

  • rendere la navigazione tra le pagine intuitiva
  • dare la possibilità di individuare facilmente il carrello in ogni momento
  • creare e mantenere il sito veloce

L’obiettivo di questi accorgimenti è uno soltanto:

Rendere tutto il più semplice possibile, sempre.

Fare in modo che ogni scorrimento e ogni clic motivino gli utenti a cominciare l’azione successiva, fino alla conclusione dell’acquisto.

E, in particolare per quanto riguarda l’acquisto, rendi il più semplice, sicuro e trasparente possibile il processo di pagamento, che è sicuramente tra le fasi più critiche dell’intero processo di acquisto.

E-commerce mobile first, è fondamentale!

Un ultimo punto riguarda la navigazione da mobile, ormai sempre più diffusa anche per quanto riguarda gli acquisti online.

Assicurati che il tuo ecommerce sia sviluppato con un approccio mobile first e che sia ottimizzato per la navigazione da mobile.

Magari è banale dirlo, ma se vuoi far emergere il tuo e-commerce in questo periodo, non puoi proprio trascurare questo aspetto. E allora noi lo sottolineiamo 😉

Ti basti pensare che entro quest’anno si prevede che le vendite e-commerce da mobile rappresenteranno più del 50% delle vendite totali del settore.

3. Creare contenuti di valore e schede prodotto efficaci

Abbiamo visto l’importanza di avere una USP (Unique-Selling-Point) e una UVP (Unique-Value-Proposition) chiare e ben definite.

Abbiamo analizzato alcuni elementi da tenere in considerazione per ottimizzare la navigazione sul tuo sito ecommerce e rendere il più semplice possibile il processo d’acquisto, anche da mobile.

Ora è venuto il momento di parlare di… contenuti!

Devi sapere che una frase che si usa spesso nel marketing è: “Content is the king”… Be’ questo vale sicuramente anche per l’ecommerce!

Anche se stai vendendo un prodotto incredibile, con contenuti inadatti o di scarsa qualità non massimizzi le vendite e i guadagni derivanti del tuo e-commerce.

Il successo del tuo sito web e del tuo ecommerce dipendono in larga misura dai contenuti di alta qualità – pensati per attirare, informare e convertire gli utenti in clienti.

Conosci l’Inbound Marketing? È una strategia che ti permette di attrarre, convertire e fidelizzare utenti attraverso creazione e condivisione di contenuti utili e rilevanti per la propria buyer persona. Scopri come funziona.

I contenuti di scarsa qualità, invece, distruggono il posizionamento del tuo sito e la comunicazione del tuo valore, danneggiando la SEO e non stimolano gli utenti ad andare a fondo circa il tuo prodotto o servizio.

Riesci a seguirmi? Ora mi spiego.

Una persona apre il tuo sito web e in pochissimi secondi fa una serie di valutazioni immediate su quello che si trova davanti.

Quando un utente apre il tuo ecommerce, il tuo brand si presenta alla grande? Riesci a distinguerti dalla concorrenza?

Un buon contenuto è fondamentale per convincere quell’utente a proseguire con la navigazione e, nel caso, può spingere le persone ad acquistare invece che ad abbandonare il sito e non comprare nulla.

Di cosa parliamo quando parliamo di contenuti di un ecommerce?

Stiamo parlando di tutti i contenuti. Tutti i contenuti contribuiscono alla conversione di una visita e a generare vendite.

Per questo motivo è fondamentale:

  • fare attenzione ai dettagli per fare in modo che tutto sia chiaro e preciso
  • investire in foto, video e testi di qualità a supporto dei prodotti
  • creare contenuti che soddisfino i bisogni e risolvano i dubbi delle persone.

Non conta che si tratti della descrizione di un prodotto, delle foto di prodotto, video, blog post o un contenuto informativo.

Lavora su contenuti utili, come suggerimenti, video di prodotti, foto professionali, demo e tutorial, post informativi sui prodotti e i loro usi. Rispondi a domande e dubbi delle persone. Mostra i benefici del prodotto. Usa parole chiave potenti per migliorare la tua visibilità.

Tutti questi contenuti servono a fornire sempre più valore all’utente e a far risaltare il tuo brand e i suoi prodotti o servizi, guadagnando la fiducia delle persone.

In questo modo gli utenti saranno felici di acquistare dal tuo ecommerce e magari creeranno a loro volta contenuti e recensioni sul tuo brand e i suoi prodotti o servizi.

Usa a tuo vantaggio queste recensioni e, in generale, tutti contenuti generati dagli utenti – UGC, user generated contents.

Questo tipo di materiale ti consente di creare un circolo virtuoso in cui aumenti la fiducia nei confronti del tuo brand mettendo in evidenza le recensioni dei tuoi clienti sul tuo sito e invogli le persone a creare altri contenuti.

Realizzazione ecommerce e consulenza ecommerce

Anche tu vuoi un e-commerce che faccia crescere la tua impresa e cresca insieme a lei? Un e-commerce bello, usabile e affidabile su cui i tuoi futuri clienti saranno felici di acquistare?

MDAC web agency ottimizza o costruisce il tuo e-commerce con strategie, design e contenuti specifici per vendere online, offrendoti gli strumenti migliori per farti trovare e per guadagnare sul web.

Guarda cosa facciamo e come lo facciamo.

mdac-bulldog-subscription

Iscriviti adesso!

Periodicamente inseriamo contenuti di valore, iscriviti se vuoi ricevere gratuitamente una notifica alla tua casella e-mail quando pubblichiamo un nuovo post